Sede Cittadella: presidenza, amministrazione, aule – Via Cittadella, 50 - 41123 Modena - Tel. 059 242007
Sede Cavour: aule - Via Cavour, 17 – 41121 Modena - Tel. 059 222726 • email MOPC020008@istruzione.it – pec MOPC020008@pec.istruzione.it

Logo L.A. Muratori - San Carlo

Liceo Classico e Linguistico L.A. Muratori - San Carlo
“Il futuro ha un cuore antico” Carlo Levi
Villa Emma - Giornata della Memoria
In occasione della Giornata della Memoria, la classe 2C  con la prof. Marta Soli ha trattato il tema delle leggi razziali, e della conseguente persecuzione anti ebraica.
 La terra di Nonantola ha però dato rifugio ad alcuni ragazzi ebrei, come testimoniano i video  girati nei pressi di Villa Emma di Nonantola, località di provenienza di Aurora e Federica. 
 Villa Emma diede infatti ospitalità, tra il 1942 e il '43,  a a 73 ragazzi ebrei provenienti da Germania e Austria, e transitati attraverso  Croazia e Slovenia,  grazie all'interessamento della DELASEM ( Delegazione Assistenza Emigranti Ebrei).
 Don Arrigo Beccari, economo del Seminario di Nonantola, e il medico condotto Giuseppe Moreali  si presero  cura delle necessità di questi ragazzi fortunosamente  giunti dopo lunghi viaggi, procurando mezzi di sostentamento, brandine  prelevate dai locali del Seminario,  libri di testo.
 Per circa un anno questi ragazzi potranno svolgere una vita relativamente tranquilla, anche grazie al sostegno della popolazione locale, dedicandosi a lavori agricoli, di falegnameria, di cucito e, soprattutto, alle lezioni scolastiche , impartite  dai loro accompagnatori, tra i quali il maestro Josef Indig.
 Tutto cambia però l' 8 settembre del '43, con l'annuncio dell'armistizio  con gli anglo- americani e l'occupazione tedesca : è urgente porre in salvo i ragazzi!
 In meno di 36 ore  don Arrigo Beccari e Giuseppe Moreali  troveranno rifugio a questi ragazzi nei locali del Seminario di Nonantola e presso alcune famiglie del luogo.
I ragazzi però non possono rimanere a lungo nascosti a Nonantola: la possibilità di un rallestramento è imminente.
 Grazie  a nuove carte di identità e all'aiuto delle organizzazioni ebraiche presenti sul territorio elvetico,  i ragazzi riescono a espatriare in Svizzera. Uno soltanto tra i piccoli ospiti  di Villa Emma perirà  ad Auschwitz: nel Dopoguerra, la maggior parte dei ragazzi raggiungerà Israele.

 

Nel frattempo la parrocchia di Rubbiara ( vicino a Nonantola) continua  a dare ricetto  a ebrei perseguitati: don Arrigo Beccari, arrestato  il 16 settembre 1944  insieme a don Ennio Tardini, fu interrogato , ma non confessò mai la sua attività. Rimase in carcere fino alla Liberazione.

 Nel Dopoguerra don Beccari ha continuato la sua attività di parroco e Moreali quella di medico.
 Nel 1964 lo Stato di Israele ha inserito don Beccari e Moreali tra i " Giusti tra le Nazioni" nel Memoriale Yad Vashem a Gerusalemme.
 
Pubblicata il 29 marzo 2021

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.