Percorsi per le competenze trasversali e l'orientamento

L’ESPERIENZA DEL LAVORO E’ SFIDA AI PROPRI LIMITI, GIOIA DELLA RICERCA, GUSTO DELL’AVVENTURA. PER QUESTO COSTITUISCE LA MIGLIORE APPROSSIMAZIONE CONCRETA ALLA FELICITA’ SULLA TERRA. (PRIMO LEVI)

PERCORSI PER LE COMPETENZE TRASVERSALI E PER L’ORIENTAMENTO (PCTO)

Per orientare e prefigurare scelte di vita

 

La legge 145/2018 ha disposto la ridenominazione dei percorsi di Alternanza scuola lavoro in “Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento”; tali percorsi sono attuati – nei Licei - per una durata complessiva di almeno 90 ore nell’arco del triennio.

La metodologia dei Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento, accanto agli obiettivi specifici collegati ai singoli progetti, presenta una forte valenza orientativa e di formazione della persona, aiutando gli studenti ad acquisire “consapevolezza delle proprie vocazioni, in funzione del contesto di riferimento e della realizzazione del proprio progetto personale e sociale” (Dalle Linee guida del Ministero dell’Istruzione)

I PCTO si basano sull’intreccio tra scelte educative della scuola, fabbisogni formativi degli studenti, esigenze e risorse del territorio: la scuola, che in questi anni ha visto crescere in modo considerevole il numero di enti ospitanti e di collaborazioni, è impegnata a interagire con il territorio per la progettazione, la realizzazione e il monitoraggio dei percorsi, attraverso una maggiore integrazione con le istituzioni, gli enti, le aziende presenti in esso. La scuola ha individuato le proprie priorità nel:

  • Valorizzare la capacità degli studenti di esercitare un ruolo cognitivo attivo nello sviluppo di competenze disciplinari e multidisciplinari, comprese quelle di cittadinanza;
  • Potenziare le competenze europee degli studenti integrandole sempre meglio con i curricoli anche in termini di valutazione

Il piano di lavoro[1]

Il progetto della scuola prevede attività organizzate secondo un’idea di percorso triennale coerente e nello stesso tempo vario e articolato, in base alle indicazioni ministeriali. Ogni anno sarà caratterizzato da alcuni specifici ambiti di intervento, così da offrire a tutti gli studenti esperienze diverse. La scansione prevista è la seguente:

  1. I^ anno: attività presso strutture e organizzazioni del terzo settore; attività di supporto culturale in istituzioni scolastiche del primo ciclo; collaborazione con Biblioteche o Archivi per inventario /riordino del patrimonio; simulazione di impresa (agenzia viaggi, per classi del linguistico);
  2. II^ anno: esperienze di laboratorio presso dipartimenti di ricerca universitari; progetti in collaborazione con aziende, enti culturali, ordini professionali; stage individuali presso enti, aziende, studi (temporaneamente sospesi per emergenza sanitaria);
  3. III^ anno: collaborazione con dipartimenti universitari (Unimore) nei seguenti ambiti: linguistico, giuridico, economico, lauree STEM; laboratori di giornalismo in collaborazione con testate locali; Percorsi di cittadinanza digitale (Progetto Linkedin).

Queste attività esterne all’ambiente scolastico vengono integrate da ore di formazione su alcuni temi: - Formazione sulla sicurezza - Formazione digitale - Conoscenza della realtà sociale del territorio e dei suoi bisogni - Aspetti giuridici ed economici del mondo del lavoro. Anche i percorsi di Educazione civica progettati per le classi del triennio si intrecciano e arricchiscono i PCTO.

[1] La situazione di emergenza sanitaria che si protrae dal gennaio 2020 ha imposto adattamenti e modifiche rispetto al piano inserito nel Ptof triennale.

Modalità di valutazione dei PCTO

  1. Scheda di valutazione del tutor esterno
  2. Restituzione scritta/orale dello studente (possono essere diverse forme di restituzione: presentazioni, relazioni, articoli, video-interviste, prodotti multimediali)
  3. Questionario di autovalutazione da parte dello studente.

Le valutazioni ottenute ricadono sul curriculum, venendo assegnate a discipline attinenti al progetto, a Educazione civica e al Comportamento.

PCTO ed Esame di Stato

A partire dalla OM n. 205/2019 è stato affermato il ruolo centrale dei PCTO per l’Esame di Stato:

  1. La valutazione dei PCTO è parte integrante della valutazione finale dello studente e incide sul livello dei risultati di apprendimento conseguiti nell’arco del secondo biennio e dell’ultimo anno del corso di studi. Ha per oggetto tre aspetti: le ricadute sugli apprendimenti disciplinari, sul voto di condotta, nell’attribuzione del credito.
  2. I PCTO entrano a far parte del colloquio d’esame: “nell'ambito del colloquio, il candidato interno espone, inoltre, mediante una breve relazione e/o un elaborato multimediale, le esperienze svolte nell'ambito dei percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento (…). Nella relazione e/o nell'elaborato, il candidato, oltre a illustrare natura e caratteristiche delle attività svolte e a correlarle alle competenze specifiche e trasversali acquisite, sviluppa una riflessione in un'ottica orientativa sulla significatività e sulla ricaduta di tali attività sulle opportunità di studio e/o di lavoro post-diploma” 

A questo link quadro progettuale dei Percorsi per le Competenze Trasversali e l'Orientamento a.s. 2021-22

_____________________________________________________________

TV Qui nell'ambito della trasmissione "La nostra economia" parla dell'alternanza anche partendo dall'esperienza del nostro liceo --> Il futuro dei giovani: scuola e lavoro?

Quadro progettuale dei Percorsi per le Competenze Trasversali e l'Orientamento a.s. 2019-20
Gradimento esperienza PCTO da parte degli studenti, a.s. 2018-19
PCTO a.s.2018-19, dati di sintesi
Quadro progettuale alternanza per a.s. 2018-19
Gradimento esperienza alternanza nei diversi settori da parte degli studenti, a.s. 2017-18
Alternanza scuola-lavoro a.s. 2017-18, dati di sintesi
Gradimento esperienza alternanza nei diversi settori da parte degli studenti, a.s. 2016-17
Alternanza scuola-lavoro a.s. 2016-17, dati di sintesi